SpRiTz.it * Padova * SpRiTz.it * Studenti * SpRiTz.it * Padova * Spritz.it * UniversitÓ * Spritz.it * Lavoro * Tempo libero

49
UTENTI CONNESSI
       



 
COLLABORA :.
PRESS :.
CHI SIAMO :.
PREFERITI :.


Polifonica Vitaliano Lenguazza




Polifonica Vitaliano Lenguazza

di Antonio Lo Savio
da "Padova: 50 anni di goliardia", Ed. Phoenix



"I padovani fanno carte false per ascoltare la Lenguazza" Così si intitolava un articolo di Fausto Pezzato, che riportiamo integralmente, apparso sul Gazzettino nel Febbraio del 1967.
"Il grande attore, il grande comico, il grande trombone, la primadonna bene o male un \'tutto esaurito" al Verdi lo provocano ancora, ma devono buttare sulla bilancia tutto il peso della loro fama, dei loro uffici stampa, dei loro public relations men, dei loro nomi schiaffati sui muri a caratteri iperbolici. Per fare il pieno al Comunale devono insomma sfruttare freneticamente la potenzialità di un costoso apparato, altrimenti rischiano di trovarsi faccia a faccia con pochi appassionati.
Ma quando tocca alla polifonica "Vitaliano Lenguazza" bastano dieci manifesti e un paio di giorni per vendere tutti i biglietti: i concerti dell`orchestra dei goliardi padovani convogliano al Verdi il pubblico più eterogeneo e più caldo che si possa immaginare, dal professore universitario alla commessa. Le autorità che non sono abbastanza autorevoli per avere il posto assicurato nel palco o in platea fanno le carte false, una volta tanto, per guadagnarselo e. forse unica eccezione, usano del potere come non andrebbe usato pur di godere il privilegio di un posto "distinto" o semplicemente di non restar fuori dal teatro. Nepotismo, prevaricazioni, minacce mica tanto velate: la gente che conta lusinga e terrorizza, vuole esserci.

Serietà e burla

La "Lenguazza", che per certuni - come avrete capito è diventata una moda, una fonte di entusiasmo un po\' snob, per il grande pubblico è soprattutto uno spettacolo diverso, assurdo, demistificatorio, nel quale serietà e burla si mescolano piacevolissimevolmente. Ma per i ragazzi che la compongono, e per i ventimila studenti dell\'Università di Padova, la "Lenguazza" è la libertà cantata e musicata, la "Radio libera della Goliardia", la sopravvivenza più schietta di un costume schiacciato dalle problematiche, corroso dagli acidi della politica, stravolto dalla pressione di un esercito di grattacapi che il profondo mutamento della popolazione studentesca ha portato dentro al Bo\'. Venti o trent\'anni fa questi ragazzi in bombetta e coda di rondine che hanno della musica concetti personalissimi avrebbero costituito uno dei tanti aspetti della vita goliardica; nemmeno il più cospicuo, nemmeno il più pittoresco forse. In una comunità che si dava un capo, il Tribuno a suon di botte e le cui fazioni assoldavano talvolta nerboruti figli del Portello per trascinare sul tavolo anatomico il loro candidato (quello era appunto il podio del vincitore), la "Lenguazza" difficilmente avrebbe goduto dell\'attuale fama.
Ma la goliardia sta tirando le cuoia, il Tribuno è, tutto sommato, figlio del la Democrazia, le rappresentanze studentesche non ignorano certo come si riproducono, in sedicesimo, le baruffe parlamentari. La partitocrazia, il qualunquismo, l\'impegno, il disimpegno, le rivendicazioni, gli scioperi hanno spazzato dal Bo\', come era inevitabile quasi tutti i residuati goliardici, e anche la caccia alle matricole, l\'ultimo modesto rigurgito di una spenta aristocrazia universitaria, è messa in discussione: c\'è stato persino un processo in tribunale allorchè una matricola, rompendo secoli di umile silenzio, denunciò un paio di "anziani".
Contro i fondali di questa fosca rivoluzione, la "Vitaliano Lenguazza" risalta, splende, è un meraviglioso reperto archeologico incrostato di ricordi, è uno spruzzo di luccicante color sul grigio tramonto del sole goliardico, il portavoce di quella spensieratezza che sta consumandosi nel cuore degli ultimi gaudenti con decine di "bolli". Quando Mario (leggi Carlo) Barotti, il suo direttore, alza la bacchetta e spinge dolcemente i "professori" sui sinuosi sentieri di una "Vispa Teresa" sincopata, è come se dalle antiche budella del Bo\' volassero al cielo crepitanti pagine di storia: ho visto ministri, corazzati da decenni di lotte politiche, opporre disperati sorrisi alla commozione che l\'inno goliardico suscitava nei loro petti, mentre lo sguardo perduto oltre il semicerchio dell\'orchestra abbracciava i fantasmi di una lontana gioventù.

II Benvenuto

Ma il risveglio dell\'ospite illustre, cui la "Vitaliano Lenguazza" offre il benvenuto e il benservito in occasione di cerimonie ufficiali, è peraltro assai brusco: c\'è infatti nel repertorio della polifonica un bel po\' di "grasse" cantiche che un coro raccogliticcio interpreta con feroce determinazione, i versi delle quali non posso ovviamente nominare in questa sede per non offendere la suscettibilità del lettore anche se, glielo assicuro, essi accompagnarono verso l\'uscita del Bo\' personaggi di primo piano (lo stesso Saragat, ricevuto con violento affetto dagli studenti padovani nel loro tempio, varcò sorridendo la soglia dell\'Ateneo sospinto da poco presidenziali rime).
Tra le innumerevoli imprese della "Lenguazza", ch\'è ormai diventata la colonna sonora delle feste che si svolgono nelle varie università italiane, mi pare opportuno sceglierne due: un memorabile concerto all`ospedale psichiatrico e un`esibizione improvvisata, ma non meno memorabile, all\'ospedale tout court, sempre nella prediletta Padova. Ufficialmente invitati dal direttore dello psichiatrico a Brusegana - che dopo la ben nota rapina, gli studenti hanno battezzato "Spedale 40 milioni"- a rallegrare il soggiorno dei degenti, i virtuosi della "Lenguazza" ottennero una così generale approvazione che non parve esagerato, in quel frangente, parlare di una nuova, stupefacente terapia: gli stessi protagonisti, descrivendo l\'immediata spontanea aderenza dell`auditorio allo stile delle esecuzioni non esitarono a definire "pazzesco" il successo della serata (rimase soltanto in qualche spettatore il dubbio che la sua permanenza all\'ospedale psichiatrico fosse, dopo tutto, scarsamente motivata) .
All\'ospedale civile, invece, la "Lenguazza" era entrata con un mesto sorriso per compiere un\'opera buona: i ragazzi volevano donare il sangue al padre di uno di loro che vi era stato ricoverato. Donato che lo ebbero, e poiché scoprirono con indicibile meraviglia d\'aver portato distrattamente anche i ferri del mestiere, vale a dire flauti, trombe, pifferi, tamburi, contrabbassi eccetera, decisero su due piedi che sarebbe stata disdicevole cosa lasciare quel luogo di sofferenza senza donare agli sfortunati ospiti un po\' della loro arte. Così, certo per la prima volta nella storia dell\'ospedale civile di Padova, tra cirrosi epatiche e appendici infiammate, vizi cardiaci e ulcere, blocchi renali e arteriosclerosi, s\'alzarono le note del "Gaudeamus igitur" e del "Canto della mosca": medici, infermieri, suore sciamarono dalle sale, trepide puerpere lasciarono il letto, cronici da sempre assopiti volsero alla musica sguardi gonfi di gratitudine. Gente morì, ma col sorriso di chi una cosa simile non aveva nemmeno osato sognare".

Ma che cosa fu, in realtà, la Lenguazza?
Lo scrivente, che ebbe l`onore di farne parte dall`8 Febbraio 1967 al "concerto d\'addio" riesce solo a definirla con una parola: la Lenguazza fu un\'emozione. Un\'emozione per le migliaia di studenti che gremivano le piazze e venivano presi dal fascino sottile delle canzoni goliardiche modificate in modo sempre nuovo ed imprevisto, un\'emozione per i "professori" che vedevano quella marea di gente trascinata nel vortice scatenato dalle loro musiche e dai loro arrangiamenti.
L\'ente morale (perché si era esibita all\'ospedale psichiatrico di Brusegana) polifonica "Vitaliano Lenguazza" della repubblica italiana (perché aveva suonato per i presidenti Segni e Saragat) e della Rai-Tv (perché era apparsa in televisione), insignita, per altro della Commenda del Sovrano Commendevolissimo Ordine Goliardico di San Salvi di Firenze e del Cavalierato del Sovranus VenerabilisQue Fictonis Ordo di Bologna, nacque quasi per caso.
Cinque goliardi, Carlo Barotti, Gigi Villani, Gian Paolo Campesan, Marcello Zancan e Giorgio Rupolo avevano deciso di fare, 1\'8 Febbraio 1959, una "macchietta" per la festa della matricola: vestiti in tight e bombetta si erano procurati alcuni vecchi strumenti per suonare delle canzoni goliardiche; trovato, per caso, uno sperduto tamburino, Dario Cicero, matricola, ma bravo, lo adottarono immediatamente, tenendo, così, su due piedi, il primo concerto ed ottenendo il primo successo. A questo gruppo iniziale si unirono, ben presto, altri "professori" e, nel contempo, da un angolo, nel ghetto di Padova, la "Corte Vitaliano Lenguazza, musicista" fu preso il nome.
In breve tempo, di concerto, di trionfo in trionfo, la polifonica "Vitaliano Lenguazza" divenne famosa in tutta Italia. Spicca in un repertorio, interamente dedicato a motivi goliardici, una canzone "Lilì Marlen" che di goliardico non ha nulla. Tuttavia, anche questo fa parte del mito della "Lenguazza".

"Correva l\'anno 1962" ci ha raccontato un testimone oculare, studente di Padova, ma "balì" del triestino ordine goliardico dello Sciacquone "e la banda era a Trieste per suonare in Piazza Unità d\'ltalia durante la festa della matricola. La polizia aveva precisato che non sarebbero state permesse, dato il particolare clima di tensione che regnava in città, canzoni di carattere politico. II momento era delicato. Nell\'interno della banda c\'era animazione. Potevano i goliardi subire un ricatto del genere? Mai! Allora... tutti pronti? Al quattro! II concerto ebbe inizio. Delle note si levarono nell\'aria tra l\'entusiasmo degli spettatori: quelle di "Lilì Marlen". Le camionette della polizia, con un infernale carosello, caricarono." Fu la catastrofe.... o l\'apoteosi???

Per anni sociologi, analisti e psicologi si sono arrovellati per tentare di capire quali arcani meccanismi fossero alla base dello strepitoso successo della `\'Lenguazza". La spiegazione, in realtà, era semplice. Esso nasceva dalla perfetta sintesi delle due anime che erano in lei: da un lato trombe, sassofoni, clarini "i bravi\'\', dall\'altro bassituba, grancassa, percussione "la spina dorsale della banda". I primi trascinavano i secondi al punto che questi ultimi, pur con un numero minimo, in qualche caso nullo, di prove, spesso riuscivano a non steccare, per contro i secondi davano ai primi il nerbo necessario per esibirsi in qualsiasi circostanza. Il tutto era amalgamato dalla sensibilità musicale di Dario Cicero, il maestro concertatore, e dalla eccezionale prontezza di riflessi di Carlo Barotti, il maestro presentatore. Chi era presente al Verdi per il concerto dell\'8 Febbraio 1967 ricorderà che, essendo stato lanciato da un palco di proscenio, ad inizio di spettacolo, un rotolo di carta igienica, lo stesso venne prontamente raccolto da Barotti e rilanciato al mittente con la battuta, che fece quasi crollare il teatro dagli applausi: "È commovente vedere come la gente si tolga anche il pane di bocca per darlo a noi!"

Il vero segreto
Ma il vero segreto della "Lenguazza" venne pubblicamente svelato da Giuseppe Lugato in un numero del "Radiocorriere-Tv" del Giugno 1967 con l\'articolo intitolato "La polifonica del vino e delle stecche" di cui stralciamo alcuni brani:
"(...) Riprendiamo il discorso con il maestro concertatore che si chiama Dario Cicero, detto Don Gallinazzi o più semplicemente il "gallinaccio". È studente di legge. Mi racconta d\'essersi iscritto coll\'intento e la promessa formale a mamma e papà di spicciarsela nel più breve tempo possibile. Anche adesso, con tutta serietà rinnova l\'impegno, ma subito confessa che dal giorno del suo ingresso alla università a oggi son passati nove anni ed è ancora ben lontano dal traguardo. E anche come musicista lo studio non è il suo forte, perché non conosce nemmeno una nota musicale. Del resto la maggioranza dei suoi colleghi si trova nelle stesse condizioni. Ma né lui né gli altri si preoccupano di questo fatto pur fregiandosi del titolo di "professori". Loro hanno una tecnica particolare, che è un segreto, e chiede a me se è possibile brevettarlo.
L\'elemento coagulante, il cemento che unisce la "polifonica" e consente di suonare e cantare (?!?) è il vino, "l\'ombra" come si chiama da queste parti un bicchiere colmo. Prima di ogni concerto, anche in Aula Magna, anche davanti al Senato Accademico, di "ombre" ne bevono a decine. Io insisto che vorrei definire lo stile di questa "Polifonica Lenguazza" degli "Spedali" e via di seguito, così famosa nel Veneto e oltre il Veneto. Si alza un tipo con la barba alla nazarena, ma tutto lindo curato niente affatto capelluto. Si alza a fatica. Ha il volto ispirato, gli occhi contratti. Si vede che pensa intensamente. Dice piano, scandendo le parole: "Il nostro stile è un\'insieme di dissonanze dell\'io interiore che si estrinseca in un anelito personale di libertà...". La "stecca" è di prammatica, si cerca la "stecca", si insegue la "stecca": messa lì al momento giusto rappresenta un motivo di attrazione. Insomma, parrà strano, ma anche la loro capacità di "steccare" viene citata come esempio di bravura, come caratteristica tipica ed unica della "Lenguazza\' eccetera. E di questo nessuno dubita. (...)".

Il 6 e 7 Febbraio 1969, a dieci anni esatti dalla sua fondazione, la "Lenguazza" all\'apice del suo splendore, con tre memorabili concerti al Verdi, cessò la sua attività.
Per rigore storico, ci fu 1\'8 Febbraio 1970, da parte di alcuni goliardi, dei quali faceva parte anche lo scrivente, un tentativo, dettato dalla speranza, risultata vana, che i vecchi "professori" potessero recedere dalla loro decisione, di suonare in piazza; ma niente e nessuno poteva reggere il confronto con la Polifonica "Vitaliano Lenguazza".

Dal Gazzettino del 9 Febbraio 1970 riportiamo il seguente brano:
"(...) Dobbiamo scrivere che malgrado l\'entusiasmo dei fautori di questa contrastata riesumazione lo spettacolo è stato malinconico.
Un "estratto" della celebre polifonica del Bo\' - del resto - non poteva bastare a ristabilire un clima, che è ancora soltanto un ricordo, mancando il terreno propizio alle tradizioni baldorie. Della "Vitaliano Lenguazza" ce n\'è stata una sola; e il concertino di ieri dovrebbe indurre quei giovani orchestrali a una attenta riflessione. (…)"
Tale iniziativa, considerata eretica e blasfema dai "Lenguazziani" che non si erano sentiti di condividere lo spirito che l\'aveva animata, venne vivamente stigmatizzata anche in anni successivi.

Scrisse, a questo proposito in una lettera inviata al Gazzettino in data 31 Dicembre 1972, il "Principe polifonico prof. di Zum Bum. Marco Tonon": "(...) Tre o quattro squallidi individui, di cui qualcuno era stato anche fra noi, hanno tentato di suonare dopo il fatidico 8 febbraio del \'69 in cui chiudemmo baracca.
Quei tali che non avevan capito di che animo venissimo, non riuscirono a catturare nemmeno quel pubblico che ancor oggi ci vuole. Tu sai bene che non è poi tanto nemmeno questione di pubblico è questione di avere i contro... fagotti, tanto per restare in tema con strumento musicale. I giovani appunto erano sprovvisti di tale contro argomento come di spirito e di capacità orgarnizzativa. (...)"

Ma non è detto che la leggenda della "Lenguazza\'\' sia definitivamente consegnata alla storia: come un\'esile fiammella che ogni tanto viene rinvigorita da un colpo di vento così la notizia che la Polifonica suonerà ancora rimbalza. a intervalli periodici. dalle pagine dei quotidiani. Bene. se questo dovesse verificarsi. Io scrivente. che pure fu quello che aprì l\'entrata trionfale al "concerto d\'addio", levando in alto un bimbo in frac, ghette e tromba, è disposto. pur di riconquistare quel posto di ultimo triangolo aggiunto che si era guadagnato con anni di onorata milizia goliardica, a cospargersi il capo di cenere e ad espiare tutte le sue colpe di "lesa maestà\'\'.

E QUESTO È AVVENUTO!





 
NICKNAME: PASSWORD:
HO PERSO LA PASSWORD
 

 
 

   

RICERCA
 


 
TOTALI: 53534
yaesis   [..scrivi]  
yoAlyto   [..scrivi]  
manium   [..scrivi]  
Silviaina   [..scrivi]  
FranChefca   [..scrivi]  
marica96   [..scrivi]