SpRiTz.it * Padova * SpRiTz.it * Studenti * SpRiTz.it * Padova * Spritz.it * UniversitÓ * Spritz.it * Lavoro * Tempo libero

34
UTENTI CONNESSI
       



 
COLLABORA :.
PRESS :.
CHI SIAMO :.
PREFERITI :.


Jono Manson




JONO MANSON

Nonostante rimangano in pochi a conoscerlo, Jono Manson gode di una stima incontrastata nel circuito sotteraneo newyorkese, perché nel corso degli ultimi anni, grazie ai suoi dischi, alle sue collaborazioni e produzioni, è riuscito ad influenzare una notevole schiera di nuovi allievi del rock’n’roll. Bastano una sana dose di energia, una band in palla ed ottimo rock’n’roll, che nel caso di Jono Manson, si intreccia alle sue passioni di sempre, ovvero blues, rhythm’n’blues e spruzzate soul di gran classe. I riferimenti al sound classico di John Hiatt non sono una novità per lui, da sempre paragonato al più famoso collega, anche per via di una voce intensa e negroide, perfettamente a suo agio con la materia trattata. Ottime soprattutto le ballate, con gli immancabili intrecci tra country e soul.
Il blues ha anche i suoi eroi nascosti, quelli che non in molti conoscono ma che sono fondamentali per la continua rinascita di questo genere musicale. Una chitarra eclettica ed una voce che colpisce allo stomaco sono la naturale formula di Jono Manson, artista eclettico senza il quale il sound dei Blues Traveler, Spin Doctors e Joan Osborne avrebbe avuto molta meno ispirazione. Per Jono Manson in verità si deve parlare di blues e non solo, poiché il nostro ama anche cimentarsi con l\'energia del rock e la classe dell\'r\'n\'b, un vincente connubio che dal vivo si trasforma in puro coinvolgimento. Al suo attivo svariati cd e alcune colonne sonore, come per il film di Kevin Costner "The postman".
Il suo ultimo album "Under the stone" è ancora una volta pubblicato dal Club de Musique e ci presenta il miglior Jono mai ascoltato . Chitarra liquida e pulita, solida tastiera di sostegno, una buona slide, batteria educata e la voce, la sua arma vincente, roca quanto basta, arrabbiata quando lo deve essere e delicata al momento giusto. "Under the stone" arrotonda tutti gli spigoli ascoltati nei precedenti lavori e ci regala un suono ben levigato che viaggia tra blues, rock e tradizione con interessanti intermezzi soul ma sempre pagando pegno alla cosiddetta "americana" che pulsa e vive nelle sue ballate. Il suono è omogeneo e definito ma ogni canzone è una piccola gemma che insieme alle altre fa brillare questo album di una luce particolare, molto intensa che irradia gioia, canzoni gaie e veramente ben confezionate che vi metteranno di buon umore, canzoni che fortunatamente qualcuno come Jono Manson ha ancora la capacità di scrivere!






 
NICKNAME: PASSWORD:
HO PERSO LA PASSWORD
 

 
 

   

RICERCA
 


 
TOTALI: 53530
FranChefca   [..scrivi]  
marica96   [..scrivi]  
torrez   [..scrivi]  
dvlgator   [..scrivi]  
andanto06   [..scrivi]  
Margottola   [..scrivi]