Spritz.it - Markoski's HOME - BLOG DIRECTORY - IL TUO BLOG - Segnala qs BLOG



NICK: Markoski
SESSO: m
ETA': 29
CITTA': Ocopoli, la città avversaria di Paperopoli
COSA COMBINO: Capo del mondo, ma anche tetris
STATUS: middle

[ SONO OFFLINE ]
[PROFILONE COMPLETO]

[ SCRIVIMI ]



STO LEGGENDO
soliti polizieschi francesi, letteratura estiva varia. Ho scoperto che Lino Banfi parla con l’aldilà ogni giorno, e che la faccia di Padre Pio è un po’ dappertutto. Io ho trovato un Choco Krispy con la sua forma, e lo conservo come una reliquia.


HO VISTO
e anche Chi, Gente, Stop, Cronaca Vera


STO ASCOLTANDO
il dottor Cruciani


ABBIGLIAMENTO
del GIORNO


ORA VORREI TANTO...
invadere la Polonia


IN QS PERIODO STO STUDIANDO...
come mettere a punto un apparato per il controllo delle menti. il progetto "raggio della morte" è per ora accantonato


OGGI IL MIO UMORE E'...
umido


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...




PARANOIE
Nessuna scelta effettuata

 


MERAVIGLIE

Nessuna scelta effettuata

Messaggio di Markoski da commentare:
i quotidiani tipicamente non sono fonti attendibili dal punto di vista scientifico. nella mia personale esperienza, quando un giornalista ti viene a parlare di questioni scientifico-tecniche, innanzitutto non ne sa niente, poi ne capisce poco, e infine è interessato solo a far condensare il tuo pensiero in poche parole. Considerato che fanno confusione sul commento a una partita di calcio, immaginatevi su questioni tecniche relative alle centrali nucleari.


(nella foto, un giornalista italiano)


sono riuscito alcuni anni or sono a far scrivere a una giornalista del corriere del veneto che stavo lavorano a dei nanorobot per il controllo delle menti nei ritagli di tempo che il progetto "raggio della morte" mi lasciava (venne bloccata da un collega che con le lacrime mi fece una severa reprimenda per le potenziali conseguenze politiche del mio gesto).


(nella foto, eccomi alle prese con un prototipo)


oltre alla totale incompetenza, ignavia e ignoranza (le tre I!!!) del giornalista moderno, si sovrappongono due problemi fondamentali di difficile accettazione in un mondo dove il giudice supremo è il televoto.
questo infatti ha secondo me alcune magagnone, oltre al senso della parola stessa (come se esistesse un paravoto. anche il voto che faccio in cabina elettorale è un televoto allora).

(nella foto, una memorabile televotazione)


il sistema si fonda sul concetto che al costo di un euro (una cifra tale da rendere il processo non oligocratico, ma allo stesso tempo non inflazionabile)(con l’eccezione dei figli di clan camorristi che partecipano ad Amici) chiunque può esprimere la propria preferenza, che acquista lo stesso valore di quella di qualunque altro votante.

l’errore fondamentale è per me che l’arte come la scienza non è un processo democratico: se fosse dipeso dalla maggioranza, ascolteremmo ancora la bella gigugin e forse Hitler sarebbe riuscito a far sterilizzare quelli che dipingevano cieli verdi e pascoli azzurri.
allo stesso modo, Galileo poteva essere l’unico a pensarla come la pensava, ma ciò non toglie che avesse ragione. se trovassimo nel sottosuolo 7 miliardi di persone di una civiltà perduta che pensano che la terra sia una ciambella, ciò non toglie che la terra sia in realtà con buona approssimazione sferica.


(hitler e una rappresentazione di sè che non gli sarebbe piaciuta)


la principale differenza tra arte e scienza in questo senso è che avendo come scopo l’arte il comunicare emozioni, sensazioni, provocazioni, anche Elio Vito (l’ultimo degli uomini) può restituire un feedback di un qualche valore. se scolpisco un cristo con le fattezze di Rocco Tano (in arte Siffredi), lo espongo in un monastero di suore contemplative e queste non alzano un sopracciglio, forse non sono un grande scultore. in questo senso, orinali, merde d’artista e papi colpiti da meteorite sono stati negli anni molto efficaci.







la scienza invece non vuole comunicare un bel nulla: il suo valore estetico, la sua bellezza e armonia sono privilegio di chi possiede certi strumenti non strettamente sensibili ma piuttosto speculativi. spesso si chiede allo scienziato intervistato di spiegare in poche parole la sua scoperta: qualsiasi riduzione porta inevitabilmente all’introduzione di concetti che andrebbero a loro volta ridotti (dopo un lungo e faticoso percorso costato secoli, lacrime e sangue) fino ai minimi termini, che sono poi gli assiomi (numero, punto, linea etc) della teoria scientifica. il tipico escamotage consiste o nella resa della finta comprensione ("ah sì sì ho capito", sguardo acquoso, bolla di muco sul naso) o nella sconfitta del paragone terra terra improbabile (arte in cui il giornale Focus eccelle) che fornisce all’ascoltatore la falsa convinzione di possedere ormai appieno la questione.

Sì può parlare di scienza a vari livelli, e non è necessario avere laurea e dottorato per discutere ragionevolmente sui temi fondamentali della questione nucleare, senza cadere vittime degli equivoci e della grossolanità dell’informazione pubblica. la carenza della scienza (e dell’economia) nella scuola è in questo senso una delle armi più potenti in mano a chi ci governa: nella mia carriera scolastica ho studiato 3 volte assiri e sumeri e due volte gli affluenti di sinistra del po, ho imparato a memoria san martino di carducci e le cinque declinazioni dei sostantivi latini (mi ricordo ancora entrambe le cose), ho perso un’ora a settimana a chiamare i fillosilicati e il piano inclinato scienza e fisica, senza MAI sentirmi spiegare i concetti di inflazione, mercato, tasso di interesse, fonti di energia, termodinamica, chimica (e a tutte queste aggiungo la politica degli ultimi 60 anni che ha fatto sì che nessuno ci spiegasse fin da piccoli queste cose). sono tuttavia certo che Assurbanipal ci è grato per l’imperitura memoria.



(il grato Assurbanipal)




ATTENZIONE:

Per commentare questo BLOG
è necessario essere iscritti
alla community di www.spritz.it

 

COMMENTI:


Autore: Beatrix_K
( domenica 1 giugno 2008, ore 09:36
)

ho sentito che si lauera kabir bedi.
e che ha PPPPPAURA.




Autore: odum
( venerdì 30 maggio 2008, ore 13:30
)

sul nucleare io ci lavoravo
ma...




Autore: momo
( giovedì 29 maggio 2008, ore 03:33
)

non lo so. lo scopriremo solo badole.




Autore: Markoski
( martedì 27 maggio 2008, ore 15:39
)

al massimo è il NOSTRO migliore amico.




Autore: momo
( martedì 27 maggio 2008, ore 10:46
)

lui è il MIO migliore amico.




Autore: Markoski
( lunedì 26 maggio 2008, ore 14:25
)

ah ma hai fatto la tesi? non lo sapevo (blink blink).




Autore: chobin
( lunedì 26 maggio 2008, ore 13:02
)

Assurbabinpal l’hai preso dalla mia tesi,confessalo.




GIUGNO 2018
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

RICERCA:
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:

chobin kitty86pd vitto shaula mist vampina zilvio momo feck-u sizan renato chickfit crudelia matan violante


BOOKMARKS

Rottentomatoes

(da Cinema / Archivi )

Dagospia

(da Informazione / Agenzie di Stampa )

baiting

(da Tempo Libero / Umorismo e Satira )

UTENTI ONLINE: