BLOG MENU:


valevally, 28 anni
spritzina di Padova
CHE FACCIO? Specializzanda in radiologia
Sono sistemato

utente certificato [ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO



HO VISTO

I miei amici intorno a me il giorno della mia laurea.



---

Er
Desperate Housewives
CSI
Ugly Betty
Huge

...amo le serie

STO ASCOLTANDO

The Pachuca beat, la mia panacea


Quello che il mio Mediaplayer decide di farmi ascoltare in modalità random.

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

Quel che capita tanto poi sopra ci va il camice.

ORA VORREI TANTO...

Tornare al mare

"When you realize you want to spend the rest of your life with somebody, you want the rest of your life to start as soon as possible!"

Svuotare il frigo, ma non il mio perchè nel mio c’è solo insalata e ketchup più o meno

STO STUDIANDO...



OGGI IL MIO UMORE E'...

Sonnacchiosa -_-
...a fasi scoppiata.


ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


1) La matita appen temperata che rotola dalla scrivania e cade a punta in giù, spezzando tutta la mina!!!
2) Dover andare a fare un esame con l'autobus, aspettare alla fermata, guardare l'orizzonte e quel coso arancione malefico non arriva... non arriva... non arriva...
3) scottarsi la lingua (e quindi perdere qualsiasi sensibilità) con la prima cucchiaiata della cioccolata calda più densa e fumante che tu abbia mai avuto sotto mano!!!
4) ..cercare ovunque le chiavi anche quando sono in tasca..
5) il tuo "ragazzo ideale" ti scrive un sms pieno di errori grammaticali
6) il mouse cordless con le pile mezze scariche che si muove solo in una direzione... e tu che lo trascini a viva forza perchè non hai quelle maledette mini stilo in casa!!!
7) tornare a casa stanchi da lavoro/università e dover cominciare a preparare la cena

MERAVIGLIE


1) Mangiare il tuo gelato preferito direttamente dalla vaschetta, magari col cucchiaio grande, facendo una cucchiaiata a testa con la tua migliore amica mentre guardate un bellissimo film alla tele e nessuno scoccia!
2) i 10 secondi dopo il primo bacio con un ragazzo
3) sentirsi il suo profumo addosso...
4) ridere fino a stare male
5) Fuggire in 2 dalla quotidianità all'improvviso, rintanarsi nella prima camera che si trova lontano e passare la notte a parlare, ridere, vivere, fare l'amore... e cambiare la propria vita da quel momento.
6) Vedere l'alba: assistere al sorgere del sole



In questo blog vorrei farvi un po’ ridere o quantomeno sorridere o perlomeno... non piangere. Vediamo se ci riesco

All rights reserved febbraio/2004 - 2005 - 2006 - 2007 - 2008 - 2009 - 2010 - 2011... and much more




Cos’è la bellezza autentica?




El paraìso no es un lugar donde ir, es una sensacìon para vivir.

Il cimitero è pieno di gente indispensabile.

E io non sono una sciacquaculo!!!

"Il cazzeggio è una cosa bella ma non rende" (frase simbolo dei tempi dell’aula studio Jappelli)

Feed RSS: LINK


©

(Questo blog è tutto pubblico... no post privati.)






(questo BLOG è stato visitato 114161 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





martedì 18 settembre 2012 - ore 22:44


Benvenuti nella loro cucina.
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Alzi la mano chi di voi non ha mai visto almeno una volta "Cotto e mangiato", quella rubrica che va in onda dopo Studio Aperto. Anche non intenzionalmente, del tipo che avete appena seguito il meteo per capire se domenica potete fare la scampagnata pane e soppressa sui colli... e trac, mentre siete lì che fate un rapido conto di quante bottiglie di rabosello bisogna portarsi via, vi distraete un attimo e BENVENUTI NELLA MIA CUCINA! Argh! Grazie, Benedetta (per anni c’è stata lei, la Parodi), veramente sei tu che sei entrata nella mia, io sono qua in panciolle anche con la zip dei pantaloni aperta per stare comoda, ma comunque accomodati.
Di solito si inizia con una piccola premessa, per intrigare lo spettatore, e poi si parte col piatto vero e proprio. La caratteristica peculiare di queste ricette è che di solito riescono in modo mirabile a essere terribilmente banali e mostruosamente caloriche allo stesso tempo. Facciamo un esempio.

"Benvenuti nella mia cucina! I miei figli non amano le verdure, quindi ho inventato questo stratagemma per fargliele mangiare. Prendete una sfoglia già pronta, mettetela in una teglia con la sua carta già pronta. Poi prendete delle zucchine, io uso quelle già pronte surgelate, saltatele in padella con olio e cubetti di pancetta - li trovate già pronti nel banco frigo! -, aggiungete raqquanta panna fresca e un uovo e versate nella sfoglia. Cuocete in forno. Et voilà, cotto e mangiato!"
...eccicredo che i tuoi figli le mangiano, le zucchine... praticamente della zucchina non è rimasto niente, il sindacato delle zucchine una cosa così te la protesta, è offensiva per la categoria. Prova a fargli mangiare broccoli senza soffocarli nel formaggio, carote senza annegarle nel burro e melanzane che non stiano facendo un ruolo da protagonista in una parmigiana, e ne riparliamo...

Idem quando parla dei piatti veloci da cucinare al marito la sera quando rientra dal lavoro. Dal momento che suo marito altri non è che Fabio Caressa, il commentatore di calcio Sky, senza dubbio la sera amerebbe svaccarsi sul divano con una pinta di birra e una ciotola di Cipster, magari a riguardarsi in replica sul quaranta pollici, e invece no. "Prendo dei petti di pollo a pezzi, li passo nella pastella, li friggo, e li servo con abbondante salsa piccante (del supermercato)." Salute. Ci credo che poi va in trasmissione e gli tira il bottone sulla pancia.

Da qualche tempo, tuttavia, un volto nuovo si affaccia nel nostro post-prandiale: Tessa Gelisio, l’ex presentatrice di Pianeta Mare; simpatica, se si riesce a passare sopra al fatto che assomiglia in modo inquietante a Joker di Batman. Chissà se riuscirà a rivoluzionare il trend della sua predecessora, o se si limiterà a spadellare il caciucco degli omonimi "quattro salti in"?



COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



lunedì 17 settembre 2012 - ore 19:06


Lo zoo della sala d’attesa
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Ci sono parecchie analogie tra essere umani e animali, si sa. Alcune più marcate, altre più sfumate, e per la seconda categoria bisogna essere osservatori dotati di molto acume e un tot di pazienza. Le sale d’attesa del servizio sanitario nazionale sono ottimi sottoboschi per ravvisare tali somiglianze. Vediamone alcune.

Pazienti marmotta. Sono quelli che se ne stanno in attesa fremente e ad ogni movimento sospetto proveniente dalle porte degli studi medici scattano sulle zampine posteriori per fiutare le novità. Inquietanti se prima di loro ci sono molti altri pazienti e quindi la scena si ripete più volte.




Pazienti leoni (in gabbia). Irrequieti e insofferenti, passeggiano avanti e indietro per il corridoio come il proverbiale leone in gabbia. Avanti, indietro, sbuffo, avanti, indietro, sguardo all’orologio, e si ricomincia. Poi quando gli si chiede "Come va?" rispondono "Un po’ stanco", e vorrei vedere, hai fatto i chilometri consumando il linoleum! Convertibili in pazienti marmotte al minimo accenno di apertura porta.



Pazienti rana (dalla bocca larga). C’è chi dice che il silenzio sia d’oro, e che ormai le occasioni per goderne siano sempre più rare. Evidentemente così non la pensano i pazienti rana dalla bocca larga. Non appena si accomodano sulla sedia della sala d’attesa, a) cercano di attaccare bottone con gli astanti, b) si informano con infermiere e/o segretarie sui tempi d’attesa, eventuali novità sulla vita privata e condizioni meteo c) esaurite le possibilità in loco, estraggono il cellulare e si lanciano in inutili conversazioni con la vicina di casa/ l’amica del bridge/ la sorella carampana, alle quali raccontano per l’appunto di essere nella sala d’attesa del tale servizio e anticipano le vicende personali dell’infermiera di cui sopra.



Pazienti (Bian)coniglio. Questo paziente è di fretta, è sempre di fretta, ma soprattutto è di fretta solo lui. Scopriamo infatti che ritiene un privilegio raro il doversi recare al lavoro intorno alle otto e trenta del mattino, tanto che lo enuncia a gran voce "Io faccio tardi! Io devo andare al lavoro!", a chiunque abbia ancora abbastanza udito da poterlo sentire. Il paziente bianconiglio è generalmente corredato da ingombrante orologio e può assumere comportamenti analoghi al paziente leone in gabbia, ma più molesti. E’ ottimo in umido.



E infine

Pazienti bradipi. La peculiarità del paziente bradipo è, ovviamente, la lentezza. E finchè si parla di anziani, ancora ancora. Ma quando abbiamo per le mani un giovane, la cosa si rende degna di osservazione. Il bradipo quando viene chiamato mette con calma l’orecchietta alla pagina del libro, lo ripone in borsa, prende la borsa, piega con grazia l’impermeabile e se lo mette sul braccio, si alza con sussiego e con passo regale si avvia alla porta dell’ambulatorio. Questa è la fase preliminare. Possiamo solo immaginare quel che accade all’interno del suddetto ambulatorio, ossia quando gli viene chiesto di - elencare i sintomi - spogliarsi - effettuare manovre varie - rivestirsi. A chi attende fuori: ce n’è per un paio di numeri di Vogue edizione speciale, quelli spessi come fiorentine e altrettanto pesanti.



LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



venerdì 7 settembre 2012 - ore 16:18


Migrazione
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Uffa.
Non ce la faccio. Ma DEVO farcela. Devo trovare la forza per fare il balzo. Passare a una pagina nuova della vita.
Ho aperto un nuovo blog, su una piazza più vasta, dove dovrei (e dico dovrei, condizionale) trovare nuovi stimoli per rimettere mano alla tastiera e al mio stream of consciousness.
E invece toh. Torno sempre qui. Qui mi sento a casa. Lì no. E sì che me lo sono scelto eh. Scelto nome, grafica, tutto. Mica mi hanno costretta.
Ma qui mi conoscete. Qui so chi mi legge, e vi voglio bene, indistinta massa confusa di lettori. Lì non so nemmeno SE qualcuno mi legge.
Dovrei migrare. Aprire le alucce e flap flap, spiccare il volo.
Voi mi seguireste?
Ditemi di sì. Ditemi che io adesso vi metto il link, e voi venite con me.

valevally’s anatomy

E facciamolo sto tentativo. Se in tutti questi anni vi ho strappato anche solo un sorriso... fatelo per me



LEGGI I COMMENTI (7) - PERMALINK



martedì 6 marzo 2012 - ore 11:48


USA e costumi.
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Sono solo io che ritrovo dei leit motiv persistenti nei film americani?
Allora uno è il brodo di pollo. Quando qualcuno sta male, in qualsiasi momento dell’anno, in qualsiasi località degli sterminati Stati Uniti d’America, si trovasse pure a Las Vegas in agosto, scatta il brodo di pollo. Che di solito viene portato da un amico premuroso in un sacchetto di carta contenente un qualche genere di contenitore. Ora io mi chiedo: ma perchè proprio il brodo di pollo, sempre e solo? Mai una tisana, una zuppa, un minestrone, sempre sto benedetto brodo di pollo. E poi, in pratica, di cosa stiamo parlando? Di una delle solite cose liofilizzate americane che sa di pollo ma è fatta con alghe e vecchie palline da tennis, oppure è veramente l’esito di una bollitura di pollo? Nel qual caso sarei curiosa di sapere come, perchè mi dà l’idea di essere tipo il riciclo del riciclo degli scarti. Blah.

Poi altra cosa sono gli appuntamenti a caso. Il dialogo tipico, di solito tra persone che si sono conosciute da circa 10 minuti, è:
"Posso portarti fuori domani sera?"
"Ma certo con piacere"
"Bene, passo a prenderti io."
"Bene."
...fine. Senza specificare l’ora, il luogo, la meta, il genere di serata, mangiati o non mangiati, eccetera. Il dialogo reale che tutti noi conosciamo assomiglia piuttosto a qualcosa tipo:
Prima telefonata:
"Usciamo domani sera?"
"Ma certo, volentieri"
"Cosa facciamo? Pizza e cinemino?"
"Ok, vedo cosa danno di bello"
Seconda telefonata:
"Al cinema non c’è niente, facciamo una cena cinese?"
"Va bene, ma non al Cin Ciun Cian che ci hanno trovato i topi in cucina; facciamo al Ling Bao Ping?"
"Non so dove sia ma va bene, stampo le mappe da Google. Passo a prenderti?"
"Sì, io sto in via del Rocchetto Basso numero 12. Praticamente è la prima laterale da via Scantalmerlo. Ti fermi dove ci sono i cassonetti, se non trovi posteggio squilla e scendo, altrimenti il campanello è Boschi Miglietti, però premi forte che a volte si inceppa."
"Ok, io vengo con la Punto rossa di mia mamma perchè la mia è a tagliandare."

...sì, forse i film perderebbero un po’ d’atmosfera a voler essere pignoli. Ma vuoi mettere il realismo?



LEGGI I COMMENTI (5) - PERMALINK



mercoledì 25 gennaio 2012 - ore 19:45


Seguitemi.
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Perchè come diceva Paolo Hendel ne Il Ciclone, è complicato ma interessante.

Cerco su FB la pagina di Groupalia (sito di acquisti di gruppo) Padova, per un chiarimento.
Trovo Groupalia Padova e sotto un gruppo intitolato "Groupalia Padova è inaffidabile". Ovviamente spinta da curiosità clicco.
Risulta essere stato fondato da un certo A.R. (per la privacy...), di Padova, che così a occhio non mi dice niente. Clicco sul suo profilo e scopro che abbiamo ben otto amici in comune, dei quali tre hanno fatto il mio stesso liceo, presumo quindi che anche questo famigerato A.R. sia un ex titoliviense. Per capire di chi si tratti clicco sulle foto (profilo completamente pubblico) e vengo attirata da un album dal nome "Ripa e ripani", dal momento che Ripatransone, per gli amici Ripa, è un comune accanto alla mia mai abbastanza celebrata San Benedetto. Mi dico sarà una coincidenza. Apro l’album ed ecco il molo di San Beach in tutta la sua splendente pescosità. Scorro da brava voyeur tutte le foto ed ecco, ovviamente, Cupra dal paese alto. Si vede benissimo anche casa mia.
Ma te dimmi se devo arrivare a trovarmi Cupra in mezzo ai piedi anche mentre cerco di comprare una cena messicana scontata. Il destino sta insistentemente cercando di dirmi qualcosa, lo sento.
..qualcosa tipo fatti una vita, anzichè girare come un criceto impazzito tra album di FB altrui...



Ho capito la teoria dei sei gradi di separazione, ma questa mi sembra più na presa in giro.

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



martedì 24 gennaio 2012 - ore 09:50


A volte è un attimo
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Sì, un lungo attimo di estrema stupidità.
L’altra notte mi sono svegliata alle 2 con l’unico, semplice intento di andare in bagno e nell’arco di un paio di secondi mi sono spetasciata per terra, con una rapidità tipo disastro dell’Hindenburg...
In sostanza cos’è successo, mi si era addormentata una gamba e non me ne sono accorta, quindi ho caricato tutto il mio santo peso su di essa che aveva al momento la stessa tenuta e stabilità dello stracchino... e plaf me ne sono andata per terra senza speranza. Ovviamente il mio fidanzato sentendo il tonfo si è svegliato e ancora un po’ assonnato accende la luce e mi fa "Sei caduta dal letto?"... oddio, effettivamente è la prima cosa che avrei pensato anche io, senonchè per fortuna non è andata così vista la presenza dello spigolo assassino del comodino ad altezza tempia... oltre alla contusione del malleolo rischiavo anche una commozione cerebrale, che nonostante il nome non è commovente per niente...
Bollettino medico finale: una specie di distorsione di bizzarre articolazioni del piede che se non facessi la radiologa non saprei nemmeno di avere, qualcosa tipo metatarso-falangee o dintorni, e un mucchietto di muscoli stirati qua e là, tipo uno sulla coscia uno sulla gamba...
Però oggi sto già meglio. Devo architettare immediatamente la prossima acrobazia altrimenti mi annoio......................................




LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



venerdì 20 gennaio 2012 - ore 11:39


Le macumbe?
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Ave a te che quando hai compilato il censimento, nella casella Occupazione Principale hai scritto "Fautore di macumbe". Oppure "Portajella a domicilio". Tu che oltre a farmi scoprire una nuova carie dal dentista ieri ("Che vuoi farci, va così, ringrazia che hai quasi 30 anni [tua sorella, ndb] e hai ancora tutti i tuoi denti in bocca"), stanotte hai anche pensato bene di metterci in coda un afterhour di reazione allergica a... a cosa? Adesso viene fuori che sono allergica al bicarbonato che mi spruzza il dentista per lucidarmi i denti? Al colluttorio dello sciacquo finale? AL DOPOBARBA DEL DENTISTA STESSO? Sai tu. Fatto sta che mi sono fatta la notte in bianco pieno perchè nell’istante in cui mi distraevo un attimo rischiavo di soffocarmi con il mio stesso autoctono prodotto. Come i neonati coi rigurgiti, guarda. Quindi sono stata sveglia a leggere le grandi raccolte di Lupo Alberto, mentre il mio povero fidanzato dormiva nella stanza degli ospiti in quanto influenzato a sua volta e "Non ti voglio disturbare di notte". Eccerto. Fatto sta che ho rotto io le balle a lui perchè la casa sarà anche grande ma fa un’eco che neanche il Gran Canyon e le mie soffiate di naso sono delle poderose strombazzate. Olè.
Prendo sonno alle 7... dopo aver mandato un sms alla collega in cui mi definivo agonizzante - cosa che ero - e probabilmente influenzata - vai tu a pensare che cavolo... - mi sveglio alle 9 e mezza e sto... praticamente bene. Ma dimmi te. Oddio, suonata che basta dalla notte in bianco, ma il naso è in condizioni standard, nella media di me stessa diciamo. Quindi ho pure i sensi di colpa per non essere andata al lavoro, lo dico pubblicamente. Mi faccio schifo. Ma mi fai più schifo tu, fautore di malocchio. Possa venirti il più raffreddato dei raffreddori quando ti sarai appena rifatto quell’orrendo naso che sicuramente ti ritrovi. Tiè.



...ti mando anche Lei che tipicamente porta una rogna nerissima.

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



mercoledì 18 gennaio 2012 - ore 18:46


E d’improvviso il diavolo.
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Per farla breve.
Lunedì stavo refertando i miei bei raggetti di toraci, e ne apro uno di un signore di una certa età che veniva da casa per un controllo di qualcosa a caso.
Mi si apre la prima immagine e vedo che ha una vistosa catena con il crocifisso, bello grande, proprio in mezzo a tutto... un po’ sbuffo ma poi vedo che c’è anche un’altra immagine e dico "Vedi, la tecnica si sarà resa conto e avrà rifatto la lastra, senza Egli...".
La apro e vedo che effettivamente la collana è spostata verso l’alto, però sono comparse delle strane immagini tipo quattro tubi verticali e mi dico beh chiaro... questo ha spostato il crocefisso... e questa è sicuramente l’immagine radiografica del demonio tipo che le fiamme dell’inferno sono radiopache e sembrano delle sonde di drenaggio. Tu guarda la scoperta.
Poi in realtà mi sono presa la briga di andare a parlare con la tecnica la quale mi ha spiegato che la prima lastra era quella con le immagini luciferine e altro non erano che stecche di una pancera... poi l’ha fatta togliere ma l’omino si è dimenticato di sollevare di nuovo il gioiello ingombrante.

Sì insomma pensavo di aver fatto la Sindone versione moderna ma soprattutto l’altro lato della medaglia e invece niente.



...e magari erano i rebbi del forcone, per dirne una.

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



mercoledì 18 gennaio 2012 - ore 11:00


Sboccolosità
(categoria: " Vita Quotidiana ")


A volte conta più dare l’impressione di aver perso tempo a curarsi del risultato. Voglio dire, io obiettivamente sto meglio con i capelli lisci, però quando mi faccio i boccoli col ferro "e ooooh e aaaahh e uuuuh e ma come stai bene e ma dovresti farteli più spesso e fai tutta un’altra figura e tricche e tracche". ... sì ma dai, ma sto meglio liscia! Onestamente! Ho una facciottina da luna piena che metà basta, se è quantomeno contornata da una tendina rettilinea si smorza, aggiungerci dei pon pon non è che aiuti tanto... epperò continuo a farmeli. Perchè così dò l’impressione di aver perso del tempo a curarmi e in effetti così è.
Idem per le unghie, il trucco... io adesso mi sto impegnando, ho detto basta all’unghia smangiata, al capello ad alga spiaggiata e al colorito mortifero, però porcomondo diventa una schiavitù! A parte il fatto che secondo me a) il ferro e la piastra non fanno bene ai capelli b) il cerone in faccia non fa tanto bene alla pelle... poi quel giorno che non hai proprio voglia, che vorresti uscire in tuta e ciabatte ma non lo fai per decenza, che anche solo l’idea di impugnare il pennello del fard ti fa ansia... devi farlo ugualmente altrimenti vai al lavoro e ti stanno lontano perchè pensano che tu abbia l’influenza e invece era solo manco di voglia.

Forse può essere una tattica, ora che ci penso.



Cioè, tipo lei, no?

LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



mercoledì 4 gennaio 2012 - ore 18:13


La vedo lunga e perigliosa.
(categoria: " Vita Quotidiana ")



...la strada che mi porterà da qui alla fine di questo turno.
Per riassumere, sono al terzo giorno di corvee e ne ho già le balle piene che versano. Io sono per il lavoro correttamente distribuito e omogeneo... qua si alternano mattine in cui non riesco neanche a soffiarmi il naso, e pomeriggi - come quello in corso - in cui posso onestamente dire di aver visitato e spulciato praticamente tutti i siti web di cui sono a conoscenza... e devo ancora impegnare due ore. Tra l’altro son qua in questa specie di postazione lillipuziana, con una sedia semi-decente conquistata a suon di battaglie coi colleghi (perchè le altre sono inutilizzabili), uno schermo che se raggiunge i 14 pollici è ancora un miracolo piazzato a 40 cm dagli occhi e un’aria talmente secca che se batto le palpebre con poca accortezza rischio di strapparmele. L’incubo di tutti gli SPISAL del mondo. Poi oltretutto c’è anche il dettaglio trascurabile che qua continuano a fare incursioni delinquenti di ogni risma pur di portarsi via qualsiasi sciocchezza... cordless vecchi di 10 anni, pc che vanno a criceti, camici, piumini di finta plastica, qualsiasi cosa possa essere schiodato dal pavimento e portato fuori senza bisogno di un muletto. E noi qua a macinare esami contorcendoci su sedie che non si meritano nemmeno questo nome e bruciandoci le cornee sugli schermi ad alto contrasto per i raggi.
Io non mi lamento del mio lavoro. Mi lamento di questo posto. Chiudo con l’apice della tristezza: mi sono portata tastiera e mouse da casa perchè la tastiera in dotazione ha le alette posteriori rotte e scrivi zoppicando a ogni tanto. Ma si può?



COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
DICEMBRE 2018
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


...special...

O o o...occhi di gaaattooo... son tre sorelle che han fatto un patto!


- La mia Molly!
blondy
- Apussicolonamia...!
Amara
- e io!
valevally

Perchè le nicketichette uniscono
RickyF dulcinea luce..

Stai cogitando anche tu quello che sto cogitando io Ale?
Centipede

L’ottavo nano - mignolo che si sbafa il Lion alla faccia mia
69THEbest

La mia gallina adorata e il suo pollastro!Oh mio Dio!
LadyCocca e businho

Bionda ti voglio bene!
eimar

Il fratellone maggiore compagno di merende (e di film direi)
Matteo78

J’adore
irky

Rock star from Venice
MUSE



---

-Le signorine spritzine-

Artistica collega gattofila
annina86

Un sole splendente
eliz*

La vedo poco ma è stato amore al primo spiedo!
stefy86

Perchè è semplicemente LA carlotta ^_^
charlotte!

E’ famosa per i conigli ma non ha posato nuda per Playboy (ancora)
eli*sgruNT

Dolce dolce come il suo nick
Meringa

She rulez
icy83

Solo per yellow pecora meriterebbe un premio
inoltre scrive divinamente
shaula

La mia commessina preferita
sunset.82

Salsera minigonnata forever
MiuMiu


La bionda sempre bella che fa rima con
girella

Mi imperplessisce perchè è
così
CatEye

Grande donna
Lucignola

Creatività e orecchini per topi
*template*

Ispirazione goth
Telete

Una personaggia speciale
lasvampita

Carmelitana smutandata mancata
malice

Rossa fiammeggiante e sempre sorridente
icegirl

Sono nel suo staff creativo
Sabrina71

La mejo disegnatrice cara lei
sanja

Una vera artista
miticasiza

Miss hip-hop frangetta sexy
chanel

E la compare bionda superfrizzante
Xvinca

Circa collega nonchè ex titoliviense samoiedo lover!
cesca-80
e sua cognatina
sortilegio

Donna il cui blog mi trasmette energia!
badgoddess

Abbiamo una cosa bella in comune!
angell

Deliziosa Doc! (che invidia!)
uèuè

Una superfan dei KOC
Stellina85

Simpatica "combinaguai"
*pollon*

Non potevo lasciare il piccolo Agorà in mani migliori
Elisewin29

Compagna di sofferenze sotto la neve (donna molto furba!)
luce..

No ma non era ubriaca!!! Miss sorriso mattutino
Aleida

Blog strafantasticoso non perdetevelo
chobin

Consigliera di moda con esperienza francese
pecchia

L’infermierina tutto pepe
raly

Altre gradite signorinelle...
miss sabry8 detta SmartiS Satiah tossica ALESSIA_PD VioletLady

-I signorini spritzini-

Onora il bar
Drauen

Lapin sui pattini
BlackWind

Amico storico speciale campione di Trivial!
mignotta

There are only 10 types of people in the world - those who understand binary and those who don’t
toaster

Prima o poi torneremo in Prato e ti straccerò!
Spiderr

Scrittore
disegnatore calciatore…eeeh! con la sua teoria del bungee jumping
Zorrobobo

Mutevole nella forma ma costante nell’essenza!
K_Redux

Torello da rugby e messe sacrileghe
Vitto


Nei pressi del tavolo staff
RickyDW

L’architetto del webun
Allanoon

Cavaliere della lingua italiana
Akirafudo

Il mio partner di danze folli
Leonida

Dalla Puglia con furore..!
andynight
e già che si parla di Puglia
TakeItEasy e SweetLuca

Sarabanda è il suo regno
alex1980pd

Merito suo se tutto cominciò
calimero

Tipo il dott Benton ma finlandese
Chriss

Dal passato al presente
sempre a girare i dischi
CrxPirate

Beo rassista!!!!
Gatsu81

Picipicipicipù... e poi mi mena?!?! Mister cartoni animati e biciclettofilo
Jashugan

Quel fenomeno di
IenaFerox

Il blog più scintillante
Sparks

Eravamo nicketichettatori d’assalto
Lumberto

Gradevolmente musicheggia
Mist

Un altro giappomaniaco!
CIU

Dai banchi del Tito ai giorni d’oggi
Mr.X

Sarà anche un po’ x lui che il mio uomo è così...
pesciolino

La carta igienica economica non conviene
davide501

Pugliese con la passione per la scrittura e gli aneddoti
D R A G O

Collega aus Deutschland
-Mick-

Cubo cubetto culetto & giracicche
rossofuoco

Il nostro Will Smith
Skylock

Gli ho fatto piangere lacrime d’arancia
yek

Eppoi...
artax1983 6estosenso SMART Teosax Slevin

---

-Colleghi-

businho irky Chriss -Mick- eowin ladycocca sab81 icy83

---

Cuprensi in trasferta su spritz.it

jacfi lollomc Lungo

---

La mascottina
verza

Un po’ come leggere "Il meglio di" (o forse il peggio??)
CASBAH


BOOKMARKS


Cupra Marittima (AP)
(da Viaggi e Turismo / Mare )



UTENTI ONLINE: