BLOG MENU:
bambi84, 21 anni
spritzina di padova
CHE FACCIO? Non è da questo che si giudica una persona!
Sono single

utente certificato [ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

Selby:"canto della neve silenziosa"
Osho:"le sette valli"

HO VISTO

ho visto gente altamente demenziale che mi ha dato motivo di preoccuparmi per l’umanità e gente eccessivamente speciale e inteligente che mi ha fatto sentire un pò ebete!nn so chi preferirei eliminare tra le 2

STO ASCOLTANDO

eva contro eva

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

saio

ORA VORREI TANTO...

un biglietto dell’air-france,durata un anno:Giro del Mondo SkyTeam:Roma -Parigi - New-York - Miami - Houston - San Paolo - Messico - Los Angeles - Honolulu - Tokyo - Bangkok

STO STUDIANDO...

"valutare gli interventi psicosociali"

OGGI IL MIO UMORE E'...

mediamente isterico

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata






(questo BLOG è stato visitato 3221 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





SONDAGGIO: MI CHIEDEVO SE...


se ci fosse una casa in cui poter andare per 9 giorni, vivendo con altra gente mai vista,continuando la propria vita in maniera invariata ma svolgendo anche delle attività insieme ai coinquilini tipo: brevi corsi di formazione su come gestire il tempo o su come riuscire ad avere il controllo della propria vita o piccoli laboratori creativi ecc. saresti interessato a venire?

si
no

( solo gli utenti registrati possono votare )

domenica 15 aprile 2007 - ore 22:25



(categoria: " Vita Quotidiana ")


tra una stagione e l’altra c’è sempre un periodo di assopimento

tra un giorno e il seguente c’è sempre una serata in cui perdi il controllo e una mattina in cui tene dispiaci

tra un’attesa e una graduatoria c’è sempre una frazione di tempo sospesa nel vuoto di una bottiglia d’acqua frizzante

tra una vacanza e un’altra c’è sempre un giorno in cui resti a corto di ragione in preda alle lacrime

tra un desiderio e un bisogno c’è sempre di mezzo un problema

tra un’amicizia e il tempo c’è sempre di mezzo una delusione, nientaltro che disincanto

tra una sigaretta e un’altra!






COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



giovedì 5 aprile 2007 - ore 23:29



(categoria: " Vita Quotidiana ")


stasera
l’adrenalina a mille, per niente forse
ma senti l’energia come implosa, quasi a dar fastidio
le parole implose hanno bisogno di un orecchio
ma adesso non c’è orecchio adatto
i discorsi inutili cercano una biro
i ricordi di parole come tante e brindisi come mille
risuonano agli occhi
flash di mondo
sorrisi inutili e altri accoglienti e calamitosi
ho fame di torta mandorle e ricotta
ho sete di salsedine
patologia cronica denominata " e se" non riesco a debellarla
casa, padova, spagna, casa vecchia,casa nuova
il presente è già domani
la valigia è ancora vuota anche se vuota non è
il viaggio è lungo
175 metri sono più o meno 3 x il grattacielo di padova


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 20 marzo 2007 - ore 23:05



(categoria: " Vita Quotidiana ")


soprattutto se piove
non aprire l’onbrello
aspetta il tuo giorno di sole
non puoi fare di meglio


LEGGI I COMMENTI (8) - PERMALINK



domenica 18 marzo 2007 - ore 09:30



(categoria: " Vita Quotidiana ")


era così inresistibile,così rosso che l’ipnosi era d’obbligo
quel naso così piccolo così rotondo
continua a chiamarmi
ieri sera l’ho poggiato sul comodino
stamattina appena sveglia ho controllato che ci fosse ancora
non riesco a resistergli
è amore a prima vista
non c’è un perchè

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



sabato 10 febbraio 2007 - ore 09:25



(categoria: " Vita Quotidiana ")


... chi sa se hai imparato a fregare il dolore
se sei felice
se hai imaparato l’amore
chi sa se tu sei cambiata
in questo lampo di vita che ci sembrava infinita
chi sa dove sei finita

in un crescendo che ha dell’irregolare


LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



giovedì 1 febbraio 2007 - ore 11:02



(categoria: " Vita Quotidiana ")


pensavo di...
pensavo di prendere maggiore controllo della mia vita se...
ma per pochi soldi ho rischiato di vedere fin troppo bene quella realtà che ho sempre fatto in modo di lasciare alle mie spalle per esser certa che anche voltandomi non l’avrei mai vista...
perchè dopo se la vedi e non alzi un dito per cambiarla i sensi di colpa ti rincorrono
e ho pensato...
mi tengo lontana da ogni cosa che mina a distruggere le mie illusioni
continuo a crederci in quelle illusioni
lo so già che sono tali
ma fin tanto che evito di scontrarmi con determinate realtà
posso permettermi di crederci ancora
pensavo che...
se ci credo intensamente fino in fondo
se quelle illusioni le custodisco bene e mi prendo cura di farle persistere
pensavo che...
forse potrebbero diventare realtà
se ci credi l’autostima diventa realtà
se ci credi le illusioni possono diventare realtà!?

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



giovedì 1 febbraio 2007 - ore 10:34



(categoria: " Vita Quotidiana ")


dal blog di Beppe Grillo:

http://www.beppegrillo.it/

"Viviamo in una realtà virtuale. In un Paese virtuale. Abbiamo un parlamento virtuale. Tribunali virtuali. Ospedali virtuali. Scuole virtuali. Informazione virtuale. Leggi virtuali. Lavoro virtuale. Doveri e diritti virtuali. Il cittadino, di conseguenza, si virtualizza. Per sopravvivere finge di vivere in un Paese reale. Come un sano in un manicomio. Quello che resta inspiegabile è come questo Paese virtuale riesca a tirare avanti. Ci si chiede per quanto tempo ancora ci riuscirà. Che cosa ci aspetta.
Quello che abbiamo già raggiunto è l’indifferenza. Se tutto è virtuale un uomo può morire di infarto in pullman a Torino e i suoi compagni continuare la gita a Sanremo. Se tutto è virtuale non c’è da preoccuparsi per l’occupazione della democrazia da parte dei partiti. L’economia del Paese è tenuta in piedi dalle rimesse mafiose. Se le mafie non investissero in Italia i loro guadagni, superiori al Pil, faremmo bancarotta. La disonestà si è fatta sistema. L’indifferenza un’abitudine.
L’Alitalia fallita non è una notizia. Gronchi e Geronzi condannati e subito reintegrati non sono una notizia. Telecom che spia i giudici non è una notizia. Quando il marcio non si può nascondere emerge la notizia. Se il marcio serve in una lotta tra bande è divulgato come notizia.
Ci sono è vero delle piccole vandee. Di gente che si incazza e scende in piazza. Sono per ora locali. Sono Vicenza, la Val di Susa, le città toccate dalla peste degli inceneritori. Sono sussulti di sopravvivenza di un organismo non ancora del tutto piegato. Viviamo in una realtà mediaticamente modificata. I partiti e i loro media ci ipnotizzano come un serpente con i conigli.
Domani, davanti allo specchio, pensateci un attimo. E iniziate la vostra giornata con un gesto per cambiare. E poi descrivetelo in questo post. Ne ho bisogno io. Ne hanno bisogno tutti i lettori del blog. Per ricaricarsi. Reset"


ne ho bisogno anche io

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 30 gennaio 2007 - ore 20:56



(categoria: " Vita Quotidiana ")


nevica
mene andrei
nevica
sono qua
sarei libera di vivere

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 30 gennaio 2007 - ore 13:17



(categoria: " Vita Quotidiana ")


se arrivasse un giorno in cui
con maggiore certezza, con maggiore irruenza
quel pensiero inziasse ad albergare in maniera costante
quel pensiero prendesse prepotentemente un posto fisso trai miei emisferi cerebrali
se arrivasse un giorno in cui con tutta la fatica del mondo e la buona volontà mai sperimentata, provassi a sradicarlo da quella posizione eccessivamente privilegiata senza alcun risultato
se quel giorno arrivasse
la mia mente, i miei desideri i miei bisogni e...
prenderebbero due strade distinte che non potrebbero mai trovare un punto di incontro
se arrivasse un giorno
come potrei fare per non scindermi in
due unità troppo distinte per vivere separatamete
due unità troppo differenti per potersi ricongiungere
se arrivasse un giorno in cui ogni mattina...non appena il sole filtra dalla finestra e le energie sono sufficienti ad aprire un occhietto e a vedere quel postit attaccato alla parete in fianco al letto
è un postit verde
ogni notte mentre dormo qualcuno ne attacca uno nuovo sulla mia
parete
ma ogni mattina su quel nuovo postit la scritta è sempre uguale
se quel giorno arrivasse o fosse già arrivato
sarei in preda al panico, in preda ad un perenne fastidio, ad una perenne ricerca di un punto di incontro tra quelle due strade che appaiono sempre più distanti

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



lunedì 29 gennaio 2007 - ore 19:29



(categoria: " Vita Quotidiana ")


ma quando mai un bambino ha a casa un retino rosso per catturare le farfalle????

LEGGI I COMMENTI (5) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
APRILE 2020
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:




BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!


UTENTI ONLINE: