BLOG MENU:


Hell En, 28 anni
spritzina di PADOVA
CHE FACCIO? Altro...
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]
STO LEGGENDO



HO VISTO



STO ASCOLTANDO



ABBIGLIAMENTO del GIORNO



ORA VORREI TANTO...



STO STUDIANDO...



OGGI IL MIO UMORE E'...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata




(questo BLOG è stato visitato 1059 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



giovedì 20 aprile 2006 - ore 15:20



(categoria: " Vita Quotidiana ")




Ho voglia di mare e soleeee....

LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



giovedì 30 marzo 2006 - ore 09:57



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Cari ..guardate che amorevoli ragnetti....è qui la primavera e tutti si risvegliano

Vento... di passione?
Questo maschio di scorpione del vento (sp.) si è distratto un po’ troppo e ora ne paga le conseguenze. Quando la coppia si incontra per effusioni amorose, infatti, il maschio deve premurarsi di morsicare la sua partner che, in conseguenze di quel morso venefico, cade in una sorta di stato ipnotico per tutta la durata dell’amplesso. Se la femmina non è abbastanza sensibile, la trance non funziona e invece di qualche minuto di passione al maschio è riservato un feroce attacco, con tanto di pasto della feroce amante.
Nel Nord Africa una leggenda narra che questo ragno è capace di mangiare la faccia di un uomo, liquefarne le gambe o depositare le uova sotto pelle: si tratta di dicerie senza fondamenti anche se in effetti questi insetti secernono un enzima che può sciogliere la carne delle prede che sono insetti, ma anche piccole lucertole, serpenti, roditori e uccelli.


LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



venerdì 17 marzo 2006 - ore 12:11



(categoria: " Vita Quotidiana ")


ASCOLTAAAA
"Ascoltare profondamente, allora, non è solo una sensazione uditiva, ma qualcosa che riguarda tutta la persona, fare l’esperienza del risveglio totale del sé, conscio e inconscio, mente e corpo.”
” Una tecnica specifica per praticare la consapevolezza delle sensazioni corporee è focalizzare l’attenzione sui suoni. I suoni, come tutto il resto, nascono e muoiono. Semplicemente ascoltando, puoi avere un’intuizione dell’impermanenza, intuizione che è fondamentale per sviluppare la saggezza.Il mattino presto è un ottimo momento per ascoltare. I suoni cominciano a emergere dalla quiete. In un ambiente rurale, tali suoni saranno quelli degli uccelli e degli animali che si risvegliano. In città cominciano i suoni delle azioni esterne: la raccolta della spazzatura, la costruzione di edifici, il traffico. Persino nell’ambiente rarefatto di una stanza ai piani alti di un hotel, si sentono di tanto in tanto rumori dell’acqua, dell’ascensore e di passi nella hall.Siediti in una posizione in cui puoi stare rilassato e attento. Chiudi gli occhi. La posa immobile e l’assenza di stimoli visivi aumentano la consapevolezza uditiva. Le persone restano talvolta sorprese nello scoprire quanta consapevolezza sensoriale va perduta a causa di un’attenzione distratta.Dopo che il corpo si è seduto comodamente, ascolta. Non cercare i suoni; aspettali. Pensa alla differenza tra un radar alla ricerca di qualcosa e un’antenna satellitare dalla grande capacità ricettiva, immobile nel cortile. Sii un’antenna satellitare. Sintonizzati e aspetta, semplicemente.All’inizio, scoprirai probabilmente che starai assegnando dei nomi ai suoni: “Porta che sbatte… ascensore… passi… uccello… aeroplano…”. Talvolta darai un nome alla sensazione che accompagna l’esperienza: “Uccello… piacevole… martello pneumatico… sgradevole… risata… piacevole”. Dopo un po’, potresti scoprire che la tendenza ad assegnare nomi comincia a svanire. Quella che resta è la consapevolezza della presenza, o l’assenza dei suoni: “Ascolto… non ascolto… nasce un suono… finisce… piacevole… sgradevole”.Adesso, pensa alla tua meditazione dell’ascolto come a un esercizio di risveglio dell’attenzione. In qualsiasi modo accada – con nomi o senza nomi, con la consapevolezza della sensazione o meno – lascia che accada. Non cercare di fare nulla. Semplicemente, ascolta.


LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



giovedì 2 marzo 2006 - ore 11:44



(categoria: " Vita Quotidiana ")


abbla abbla...evviva il carnevale


LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



lunedì 13 febbraio 2006 - ore 16:29



(categoria: " Vita Quotidiana ")




LEGGI I COMMENTI (5) - PERMALINK



martedì 24 gennaio 2006 - ore 15:15



(categoria: " Vita Quotidiana ")



maooooooooooooooooooooooooooo

LEGGI I COMMENTI (11) - PERMALINK



martedì 17 gennaio 2006 - ore 16:52



(categoria: " Vita Quotidiana ")



guardate...è passata stamattina la fiaccola olimpica qui a padova...e io l’ho vista...

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



martedì 17 gennaio 2006 - ore 16:35



(categoria: " Vita Quotidiana ")


ho aggiornato....cambio stagione...

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



mercoledì 16 novembre 2005 - ore 17:24



(categoria: " Vita Quotidiana ")



QUESTO E’ NEL MIO GIARDINO

LEGGI I COMMENTI (9) - PERMALINK



giovedì 27 ottobre 2005 - ore 16:37



(categoria: " Vita Quotidiana ")



Cupido, loser, eigenwilliger Knabe!
Du batst mich um Quartier auf einige Stunden.
Wie viele Tag’ und Nächte bist du geblieben!
Und bist nun herrisch und Meister im Hause geworden!

Von meinem breiten Lager bin ich vertrieben;
Nun sitz ich an der Erde, Nächte gequälet;
Dein Mutwill schüret Flamm auf Flamme des Herdes,
Verbrennet den Vorrat des Winters und senget mich Armen.

Du hast mir mein Geräte verstellt und verschoben;
Ich such und bin wie blind und irre geworden.
Du lärmst so ungeschickt; ich fürchte das
SeelchenEntflieht, um dir zu entfliehn,
und räumet die Hütte.

J.W. Goethe


Cupido, monello testardo!
M’hai chiesto un riparo per poche ore,
e quanti giorni e notti sei rimasto!
Adesso il padrone in casa mia sei tu!

Sono scacciato dal mio ampio letto;
sto per terra, e di notte mi tormento;
il tuo capriccio attizza fiamma su fiamma nel fuoco,
brucia le scorte d’inverno e arde me misero.

Hai spostato e scompigliato gli oggetti miei,
io cerco, e sono come cieco e smarrito.
Strepiti senza ritegno,
e io temo che l’anima
fugga via per sfuggire te,
e abbandoni questa capanna.

J.W. Goethe


eeeeeeeee
w i poeti maledetti...anni di saggezza o demenza??
e vediamo se funzia...



LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:




BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!

UTENTI ONLINE:



SETTEMBRE 2019
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30